Conuro del Sole

Aspetto e caratteristiche fisiche

Il conuro del sole (Aratinga solstitialis) è la specie di conuro più diffusa e allevata in Italia. Ciò è dovuto alla relativa facilità di allevamento, all’ottimo carattere che possiedono e ai colori molto sgargianti.
Infatti il suo piumaggio è giallo-arancione nella maggior parte del corpo, mentre nelle ali e nella coda oltre ai due colori principali si aggiungono il blu e il verde. Un mix di colori che fa innamorare chiunque.

Ha una lunghezza di circa 30 cm per un peso che supera di poco i 100 grammi.
Non è presente alcuna differenza tale da distinguere i maschi dalle femmine. Riesce a raggiungere anche 40 anni di età, nonostante le sue dimensioni non siano ragguardevoli

Carattere e comportamento

Il conuro è un pappagallo famoso per essere rumoroso. Infatti alcuni suoi fischi possono essere uditi anche a chilometri di distanza e sono molto acuti e fastidiosi. È un pappagallo abituato a vivere in grossi stormi, come ad esempio il parrocchetto dal collare, quindi in famiglia se ben inserito al suo interno non avrà timore di fare amicizia con i vari membri.

È un pappagallo molto giocherellone, a cui piacciono le novità e molto interessato a scoprire l’ambiente che lo circonda. Per questo è necessario mettere a disposizione vari giochi in modo da farlo divertire e sfogare e non trovarsi la casa con i segni permanenti del suo passaggio

Se non siete a casa durante delle ore della giornata non è un problema, la cosa importante è che la gabbia sia arredata correttamente e che una volta rientrati esca e stia in vostra compagnia. Convive bene con altri pappagalli in casa, numerosi sono i casi di ottima convivenza con varie specie di parrocchetto ovviamente in gabbie separate quando non ci siete.
Con i bambini si diverte molto, ma ovviamente bisogna sempre fare attenzione a come si comportano per evitare possibili beccate.

Alimentazione

L’alimentazione del conuro del sole, come quella di tutti i pappagalli, deve essere varia per far si che assuma tutti i nutrienti necessari. Come sempre la base dell’alimentazione deve essere un mix di pellet di qualità, frutta e verdura. Oltre a ciò, è necessario fornire saltuariamente mix semi e frutta secca, con molta parsimonia quest’ultima a causa dell’elevata quantità di grassi.

Per meglio introdurlo all’interno della famiglia, consiglio di dare piccoli assaggi anche del nostro cibo, infatti essendo molto curioso, qualsiasi cosa sia presente nel vostro piatto vorrà assaggiarlo. Attenzione a non esagerare con le quantità, considerando che è un pappagallo di media-piccola taglia.
Essendo un pappagallo molto attivo non tende ad ingrassare facilmente, ma è comunque necessario non fornire una dieta troppo ricca di grassi.